Fiume Busento - Cosenza
Centro storico - Cosenza
Fichi d'India
Vista dal Castello - Roseto Capo Spulico
Fontana dei tredici canali - Cosenza
Isola di Dino - Praia a Mare
Villaggio Bridge - San Nicola Arcella
Il Borgo di Altomonte
La costa - Scalea
FacebookMySpaceTwitterMixx

Paesi della provincia di Cosenza

Altomonte

MIN Video Altomonte 

 Documentario - ALTOMONTE

 

 

 

Altomonte, piccolo borgo medievale situato sul versante sinistro della Valle dell’Esaro; dai suoi 500 mt di altitudine, gode di un’impareggiabile veduta, che si staglia su tutta la fiorente valle.Altomonte Ph Salvatore Migliari Riconosciuto come uno dei borghi più belli d’Italia, il centro storico, arroccato su un promontorio roccioso e circondato dalla catena montuosa del Pollino, mostra ancora tutto il suo fascino nelle antiche costruzioni in pietra, in pieno stile normanno. Il borgo, di origini antichissime, sorgeva più vicino al fiume Esaro, probabilmente dove oggi si trova il Parco Archeologico della Larderia, istituito in seguito al ritrovamento di una villa romana risalente al I sec D.C., ma verso l’anno 1000, gli abitanti del borgo, probabilmente sotto la pressione delle incursioni saracene, si trasferirono in un luogo più sicuro, dove attualmente sorge Altomonte. Il paese vive il suo momento migliore sotto la dominazione angioina, divenendo uno dei più importanti centri culturali dell’Italia meridionale, grazie anche alla presenza dei frati Domenicani che fino al XIX sec furono portatori di fede, arte e cultura. 

Tra i luoghi di maggiore interesse artistico-culturale, troviamo il Castello normanno e la Torre dei Pallotta;

il Castello venne eretto nel corso del XII sec, ad opera dei normanni, come struttura difensiva, posta sulla cima di una rupe, dalla quale si poteva avere il controllo dell’intero territorio. La fortezza, che fu dimora dei Sangineto prima, e dei Ruffo e Sanseverino dopo, venne rimaneggiata ed ampliata lungo il corso dei secoli, fino ad arrivare nello splendido stato in cui si trova attualmente. Il castello, che si presenta come una serie di palazzi con corte interna, gode di una splendida veduta sulla Piana di Sibari ed attualmente ospita un lussuoso albergo.

la Torre Pallota venne fatta edificare da Roberto il Guiscardo, nell’anno 1052, come punto strategico di avvistamento, legato al sistema difensivo del territorio.Altomonte Torre Pallotta finestra medievale Ph Salvatore Migliari OK Alta 25 mt, la torre venne rimaneggiata sotto la dinastia di Guglielmo Pallotta, da cui prese il nome, che ne fece la propria residenza. La struttura, edificata su base quadra, presenta un’imponente muratura con inserti in pietra squadrata posti negli angoli, ma il particolare di maggiore rilievo è dato dalla finestra bifora in stile gotico. Nel piano seminterrato, che una volta era adibito alla raccolta dell’acqua piovana, attualmente troviamo una sala convegni atta ad ospitare mostre ed eventi.

Proseguendo per viuzze e scalinate del centro storico, finemente lastricate in pietra e ravvivate dalla presenza di piccole botteghe artigiane, ci troviamo davanti la maestosa chiesa di 

Santa Maria della Consolazione; una costruzione in stile gotico di rara bellezza. Edificata in epoca angioina, verso la fine del XIV secolo, venne in seguito restaurata durante il corso del XVII sec. Rosone Chiesa S M della Consolazione Ph Salvatore MigliariL’ingresso, costituito da un magnifico portale in pietra con archi a sesto acuto, è raggiungibile per mezzo di un’imponente scalinata, dalla quale si può ammirare tutta la facciata, ed in particolare il magnifico rosone che sovrasta il portone principale. Sul fianco destro s’innalza la torre campanaria, con le sue splendide finestre bifore, all’interno del quale è conservata una campana, sulla quale vi è un’incisione in latino che testimonia la costruzione della chiesa, datata 1336. L’interno, suddiviso a croce latina, con una navata unica con volta a capriate, affiancata da due cappelle laterali, conserva l’altare di San Michele Arcangelo, in legno dorato di epoca barocca, e l’altare maggiore in marmo policromo, oltre ad un coro ligneo finemente intagliato, risalente al XV secolo, e la tomba di Filippo Sangineto, conte di Altomonte.

Adiacente alla Chiesa, vi è il Convento Domenicano; un magnifico edificio costruito come abitazione, per volere della contessa Cobella Ruffo, ed in seguito donato ai frati domenicani che lo ampliarono e lo trasformarono in convento. 

Altomonte Chiostro Ph Salvatore Migliari

La struttura, che un tempo ospitò personaggi illustri, tra i quali il filosofo Tommaso Campanella,  vanta uno splendido chiostro quattrocentesco, da cui si accede alle sale che oggi ospitano il Museo Civico, la Biblioteca Civica e Storica, e la Pinacoteca di Arte Moderna.

Di notevole interesse storico - artistico è la Chiesa di San Giacomo, eretta probabilmente nel 1182, risulta essere la più antica del borgo. La facciata si presenta con un bellissimo portale sovrastato da una finestra, entrambi in pietra intagliata, risalenti al 1700; mentre la parte bassa della torre campanaria, sembra sia costituita da quella che anticamente era una delle porte di accesso al borgo medievale.

Campanile San Francesco AltomonteScendendo verso la parte bassa del paese, ci appare la Chiesa di San Francesco di Paola, eretta nel 1636 a seguito della proclamazione del Santo a patrono del borgo. Due grandi scalinate in marmo bianco conducono agli ingressi della chiesa e dell’adiacente Convento dei Padri Minimi, oggi sede del Municipio, al quale si accede dallo splendido chiostro. All’interno della chiesa, suddivisa a croce latina a navata unica, sono conservati alcuni affreschi raffiguranti scene di San Francesco, e tre tele pregiate di scuola napoletana, raffiguranti la Natività, la Visita dei Re Magi e l’Annunciazione. 

All’interno del centro storico vi è l’Anfiteatro, una struttura di recente costruzione, che si rifà agli anfiteatri greco - romani, sapientemente inglobata nel cuore delle antiche costruzioni. Con i suoi 1100 posti, anima le serate estive della gente del luogo e dei tanti turisti che trascorrono l’estate in questo magico borgo.

Il territorio di Altomonte, ricco di coltivazioni come orzo, grano, legumi, e poi agrumeti, frutteti e vigneti, è reso fertile dalle acque dell’Esaro, del Grondi, e del Fiumicello che lo attraversano, dando vita ad uno spettacolo di colori ineguagliabile che uniti al fascino del borgo medievale, ottimamente conservato, incantano lo spettatore con una fusione di profumi e colori surreale.

 

La festa patronale si svolge il 2 aprile, in onore a San Francesco di Paola.

 

Altomonte notturna

Rosone Chiesa Santa Maria Consolazione Altomonte Chiesa Santa Maria Consolazione AltomonteChiesa San Francesco Paola AltomonteChiesa San Francesco Paola Altomonte1Chiesa San Francesco Paola interno Altomonte 2016Antico Batacchio Altomonte 2016Chiesa Santa Maria Consolazione Altomonte 2016Portale Santa Maria Consolazione AltomonteChiesa San Giacomo AltomonteAltari Portatili Museo Altomonte 2016Altarolo Passione Museo Altomonte 2016Circoncisione Gesu Museo Altomonte 2016Madonna Pere Museo Altomonte 2016San Ladislao Museo Altomonte 2016 OK

Visite: 978

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information