Fortezza Aragonese - Le Castella
FacebookMySpaceTwitterMixx

Paesi della provincia di Crotone

Cirò Marina

{videobox}vySjvJnlBek|Filmato CIRO' MARINA||box=1{/videobox}

 

 

Cirò Marina è il secondo comune più densamente popolato della provincia di Crotone. 

Grazie alla bellezza e alla ricchezza del mare è divenuto negli ultimi anni meta turistica rinomata. Il paese, riconosciuto Città del Vino dal 2000, è noto per gli ottimi vigneti, composti dal vitigno Gaglioppo, da dove si ricava il Cirò DOC; e per le Clementine di Calabria, prodotto IGP.

Cirò Marina è ricca di costruzioni e monumenti di pregiato interesse culturale:

  • Il Castello Sabatini, è una costruzione di tipo militare a pianta quadrilatera con torri angolari speronate. Edificato nel XV secolo dai Carafa marchesi di Cirò, è noto pertanto anche come castello dei Carafa. Il castello fu acquistato dalla famiglia Sabatini nel 1840. Nella parte alta dei giardini, possiamo ammirare La Fontana del Principe, una fontana ottocentesca a specchio con tre archi, sui quali è apposta una lastra di marmo, contenente lo stemma dei nobili signori Spinelli.
  • Il Tempio di Apollo Haleo. Durante gli scavi del 1924 l'archeologo Paolo Orsi, individuò in località Punta Alice, l'antico tempio arcaico dedicato ad Apollo Haleo, risalente alla seconda metà del VI secolo a.C. Dagli scavi effettuati nell'area del Tempio sono state rinvenute le parti in marmo della statua del dio Apollo ed il relativo acrolito, oggi esposto al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. 
  • La Torre Vecchia e La Torre Nuova; la prima, costruita in seguito alle prime invasioni saracene, è una torre di avvistamento a pianta quadrata e si trova lungo il pendio che unisce Madonna di Mare alla costa. La seconda costruita nel 1596, per volontà del marchese Vespasiano Spinelli, è situata nella contrada Brisi. La struttura rappresenta, insieme alla Torre Vecchia, il cardine di un sistema difensivo e di avvistamento.

Oltre alle costruzioni religiose e militari, possiamo ammirare diverse costruzioni civili di gran pregio:

  • Palazzo Porti, risalente all'Ottocento, si trova in piazza Diaz, sono ospitati il Museo civico archeologico e gli uffici della Soprintendenza.  
  • Palazzo Siciliani, è un imponente costruzione in pietra faccia a vista su due livelli. È ubicato in Via Vittorio Emanuele. 
  • Palazzo Caparra, si eleva su tre livelli; nel corpo centrale si nota una costruzione tipo torretta, ha una corte a cielo aperto e sorge in via Tirone.

Incamminandoci sul Lungomare, nella villetta alle spalle della chiesa principale, possiamo ammirare il monumento eretto al  filosofo Giuseppe Gangale, e proseguendo, una statua in bronzo posta su un basamento in marmo bianco, raffigurante Suor Rosa, la fondatrice dell'ordine delle Figlie di Sant'Anna, beatificata nel 2000 da papa Giovanni Paolo II.

Ai caduti di tutte le guerre è stato innalzato un monumento che si compone di un alto basamento rivestito in marmo su cui è collocata una statua della Vergine con il Bambino. Per i marinai morti in mare è stata inserita una grande ancora in ferro.

Il Teatro, noto come Centro Polivalente Alikìa dall’antico nome dell’abitato, è stato inaugurato il 22 marzo 2009. Il centro Alikìa, con una superficie coperta di circa 700 m², è una struttura polivalente, dove è possibile svolgere convegni ed eventi culturali di ogni  genere. 

Il museo civico ha sede in Piazza Diaz, al piano terra ed al primo piano di Palazzo Porti, struttura acquistata dal comune di Cirò Marina nel 1981 e completamente ristrutturata nel 1985. 

Numerose sono anche le Chiese:  

  • Chiesa di San Cataldo, situata in Piazza Armando Diaz, è dedicata al santo patrono del paese, che fu anche vescovo di Taranto. 
  • La chiesa di San Nicodemo abate, situata in Piazza Kennedy, essa è ispirata alla tenda ebraica. Dietro l'altare maggiore campeggia un crocifisso, e un mosaico dell'Ultima Cena aggiunto nel 2011. Lungo le pareti dell'aula liturgica sono affisse le riproduzioni delle dodici stazioni della Via Crucis.
  • Il Santuario Maria SS.ma d'Itria, prende il titolo dall'appellativo bizantino Odeghitria, cioè "Guida - Condottiera".  Al suo interno è custodita una tela in stile iconografico-bizantino della Vergine con il Bambino. Parte integrante della chiesa sono: un salone per convegni, una biblioteca e una sala lettura. Nei pressi del santuario, su un colle che domina uno splendido panorama, è stata posta una grande statua di Cristo, nell'atto di benedire l'abitato sottostante. 
  • Chiesa di San Francesco di Paola, è delimitata da due palazzi di pochi piani in zona Piazza Krimisa. Aperta al culto nel 1961, venne abbellita con finestre artistiche istoriate nel 1988. Vi si accede da un semplice portale rettangolare e si innalza simile ad una struttura a vela, in cui è custodita una campana. 

Durante la festa patronale, che si svolge dal'8 al 10 maggio, la statua di San Cataldo viene portata all'interno di una chiesetta per un'intera notte, presso i MERCATI SARACENI.

 

Visite: 2045

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information