Bronzi di Riace
Matrimonio anni '60 - Francavilla Angitola
Bottega tipica - Tropea
Chiesa di Santa Maria della Consolazione - Altomonte
Castello Normanno - Vibo Valentia
Scogliera - Zambrone
Fortezza Aragonese - Le Castella (Ph. Marco Rey)
Nei cieli di Pizzo
Torroni e mostaccioli di Soriano
Chiesa di Santa Maria dell'Isola (sullo sfondo il Vulcano Stromboli) - Tropea
Centro storico - Serra San Bruno
Piazza Serrao - Filadelfia Ph. Francesco Bartucca
FacebookTwitter

Banner-gofly Dai spazio alla tua attivitRicami Tessiture Logo 6

Giornata Mondiale della Biodiversità

“Costruire un futuro condiviso per tutte le forme di vita” è il tema scelto dalle Nazioni Unite per celebrare, nel mondo, la Giornata Internazionale della Biodiversità. Ideata nel 1993 in occasione dell’entrata in vigore della Convenzione sulla Diversità Biologica (Trattato Internazionale adottato in Kenya, a Nairobi, nel maggio del 1992 e firmato dai Paesi dell’ONU, il mese successivo, a Rio de Janeiro), la ricorrenza intende sensibilizzare le persone sui problemi elativi alla biodiversità, promuovendo, di volta in volta, iniziative e attività mirate  a far comprendere l’importanza della conservazione della diversità biologica e a favorire un utilizzo sostenibile dei suoi componenti, ma anche una giusta condivisione dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche.

Anche l’UNESCO, attraverso il Programma scientifico intergovernativo MAB, “Man and Biosphere”, avviato nel 1971, intende promuovere, su basi scientifiche, un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente, attraverso la tutela della biodiversità e le buone pratiche dello sviluppo sostenibile, includendo, al proprio interno le Riserve della Biosfera. 

A Vibo Valentia, l’appuntamento per celebrare la Giornata Mondiale della Biodiversità è, per le 9.00, alla Fattoria didattica e sociale Junceum, sita in via Cancello Rosso per avviare, di concerto con la Rete Nazionale per l’Agricoltura Naturale, i lavori di divulgazione delle tecniche di coltivazione naturali. Sarà Kutluhan Özdemir, contadino curdo trasferitosi in Italia dopo essersi formato in Grecia e in Sudamerica con Panos Manikis e altri discepoli diretti di Masanabu Fukuoka, autore de “La rivoluzione del filo di paglia”, a portare alle nostre comunità il messaggio secondo cui, se tutto viene lasciato andare secondo natura, ovvero niente arature, potature, concimazioni, irrigazioni, cure colturali, trattamenti fitosanitari, lotta antiparassitaria, il terreno ha la possibilità di conoscere un fenomeno di spontaneo “risveglio”, ottenuto attraverso semine ripetute con la tecnica delle “seedball”. Il lavoro successivo dell’agricoltore si limita alla pacciamatura e al raccolto.

Il contesto scelto dal Club per l’UNESCO di Vibo Valentia e dall’Associazione MedExperience per l’organizzazione dell’evento non è certamente casuale. La fattoria didattica e sociale Junceum, gestita anche in collaborazione con i volontari dell’Associazione La Goccia rappresenta, infatti, nel panorama locale, e non solo, uno dei punti di accoglienza, inclusione, integrazione di Persone dalle caratteristiche più varie e più tipiche, di maggiore successo. 

 

 

Locandina Biodiversita 2022

 

 

 

Visite: 366
Visite agli articoli
2018076

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione su questo sito web. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information