Bronzi di Riace
Matrimonio anni '60 - Francavilla Angitola
Bottega tipica - Tropea
Chiesa di Santa Maria della Consolazione - Altomonte
Castello Normanno - Vibo Valentia
Scogliera - Zambrone
Fortezza Aragonese - Le Castella (Ph. Marco Rey)
Nei cieli di Pizzo
Torroni e mostaccioli di Soriano
Chiesa di Santa Maria dell'Isola (sullo sfondo il Vulcano Stromboli) - Tropea
Centro storico - Serra San Bruno
Piazza Serrao - Filadelfia Ph. Francesco Bartucca
FacebookTwitter

Banner-gofly Dai spazio alla tua attivitRicami Tessiture Logo 6

Raffa - SERIE A2: 9ª giornata di campionato

Come all’andata, nel derby Città di Cosenza e Catanzarese si dividono la posta in palio chiudendo con due pareggi la contesa nella prima stagione che le vede avversarie in A2. Una gara dai due volti: arrembante e aggressiva nel primo turno la Catanzarese (che porta il parziale sul 1-3), reattiva e orgogliosa la squadra di casa nella ripresa. Guidata da un ottimo Antonio Perricelli, ben si comporta la formazione di terna dei giallorossi – che si toglie lo sfizio di regolare per ben due volte la miglior terna d’Italia del 2019 (Toteda – Granata A. – Giannotta), mentre nell’individuale prestazione a intermittenza per il fin qui impeccabile Scicchitano. Nel secondo turno sale finalmente in cattedra Cosenza: mister Granata spariglia un po’ le carte schierando la nuova coppia formata da Andrea Granata, che sta tornando alle prestazioni a cui ha abituato, e Domenico Granata. I rossoblù potrebbero raccogliere qualcosa in più ma sull’altra pista il duo Giannotta (sostituito poi da Toteda M.P.) – Oliva porta a casa solo uno dei due set a disposizione e il match si chiude sul 4-4. Prima della gara si sono vissuti momenti di emozione con il ricordo di Michele “Mike” Zanfini, volto storico della società Garofalo di Castrolibero e sarto – gentiluomo di Cosenza, un artista delle bocce, recentemente scomparso per il Covid. Per la Catanzarese di mister Abramo una punta di rammarico per non aver allungato in classifica ma Antonio Perricelli, presidente – giocatore, che si è particolarmente distinto in campo in questo derby, risolleva gli animi e porta i suoi già al prossimo incontro: «È stata una bella partita e sono rimasto colpito da alcune prestazioni. Emozionante per tutti giocare dopo l’omaggio a Mike Zanfini. Adesso ci aspetta Cicciano con cui dovremo raccogliere il bottino pieno. Da qui alla fine dovremo pensare solo alle nostre partite e a vincerle. Poi ragioneremo sulla classifica e vedremo…». Queste invece le parole del tecnico dei padroni di casa Pasquale Granata cui va il merito di alcune scelte felici nel secondo turno: «Il primo turno per noi è stato sottotono, non abbiamo giocato ai loro livelli ma siamo stati anche sfortunati. Peccato non riuscire a sfruttare il fattore campo, la verità è che noi abbiamo delle belle piste che tutti giocando bene possono sfruttare a loro vantaggio». Granata sottolinea poi la bella prestazione di Domenico Granata, che ha giocato bene soprattutto nella seconda tornata, e di Andrea Granata. E chiude quasi con una promessa: «I miei giocatori migliori stanno giocando a sprazzi ma quando torneranno ai loro massimi livelli ci divertiremo». Nel prossimo turno il Città di Cosenza farà visita al fanalino di coda Bellizzi.

 

Città di Cosenza (Cs) – Catanzarese (Cz) 4-4 (47-44)

Toteda – Granata A. – Giannotta vs Perricelli – Valentino – Zaffino 6-8, 3-8; Granata D. vs Scicchitano 4-8, 8-3; Giannotta (2° set Toteda M.P.) – Oliva vs Perricelli – Valentino 8-5, 2-8; Granata A. Granata D. vs Scicchitano (2° set La Face) – Bianco 8-1, 8-3;

All. Città di Cosenza: Pasquale Granata

All. Catanzarese: Franco Abramo

Direttore: Eugenio Gaudio

Arbitri: Francesco Gervasi, Giuseppe Gaglianese

Dopo la prorompente vittoria con Cicciano, la Franco Parisi Città di Rende interrompe un’importante serie di risultati utili cadendo in casa di Santa Chiara. Con i forti napoletani, i biancorossi gira tutto male nel primo turno (3-1) e si portano a casa solo un set di individuale con Vincenzo De Rose che si toglie qualche sfizio contro l’ex campione del mondo Pasquale D’Alterio. Qualche malumore nei set di terna per i calabresi che nel secondo turno partono bene con il set di coppia conquistato da Spadafora Davide – Buffa ma ormai la partita è compromessa. A fine gara il tecnico Gianluca Cristiano non cerca alibi: «La squadra non ha brillato contro un avversario che ci ha concesso poco. Voglio ringraziare personalmente la società Santa Chiara per la calorosa accoglienza». L’8 maggio Rende ospiterà in casa la capolista Aquino, una gara difficile in cui sarà fondamentale fare risultato per muovere la classifica. 

 

S. Chiara Le Delizie (Na) – Franco Parise Città di Rende (Cs) 6-2 (54-40)

Crispino – Palumbo – D’Alterio D. vs Buffa – Spadafora S. (2° set De Rose C.) – Spadafora D. (2° set Veloce) 8-5, 8-1; D’Alterio P. vs De Rose V. 5-8, 8-1; Crispino – Palumbo vs Spadafora D. – Buffa 1-8, 8-6; D’Alterio P. – Torrini vs De Rose V. – De Rose C. 8-6, 8-5;

All. Santa Chiara: Angelo Crispino

All. Città di Rende: Gianluca Cristiano

Direttore: Antonio Dello Iacovo 

Arbitri: Piero Rivetti, Emilio Betelli

 

Gli altri risultati:

La Foce 2 Magg. Salvatore Cafaro (Sa) – Todis Bellizzi (Sa) 4-4 (52-48)

Iperg Motorgas Cicciano (Na) - Arte in Ferro Aquino (Na) 8-0 (64-22)

 

La classifica (girone 4):

Aquino 19, Santa Chiara 15*, Catanzarese 14, Cicciano 12**, Città di Rende 10, Città di Cosenza 6***, Bellizzi 2***, Cafaro 2*** (*una partita in meno, **due partite in mano, ***tre partite in meno);

 

RAFFA 9giornata Cosenza Catanzarese OKRAFFA 9giornata Citta di Rende a Quarto OK1

 

Visite: 281
Visite agli articoli
1835190

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione su questo sito web. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information