Bronzi di Riace
Matrimonio anni '60 - Francavilla Angitola
Bottega tipica - Tropea
Chiesa di Santa Maria della Consolazione - Altomonte
Castello Normanno - Vibo Valentia
Scogliera - Zambrone
Fortezza Aragonese - Le Castella (Ph. Marco Rey)
Nei cieli di Pizzo
Torroni e mostaccioli di Soriano
Chiesa di Santa Maria dell'Isola (sullo sfondo il Vulcano Stromboli) - Tropea
Centro storico - Serra San Bruno
Piazza Serrao - Filadelfia Ph. Francesco Bartucca
FacebookMySpaceTwitterMixx

Banner-gofly Ricami Tessiture Logo 6 PRIMA Logo

U Richiamu e Mastru Antuoni

Categoria: Poesie

Nonno Antonio Francavilla Angitola OK

Riproduzione fotografica Natale Giampà

 

U Richiamo e Mastru Antuoni

 

Quandu Mastru Antuoni s'assettava o bancariedu

Ricojjia i pandinuoti cu scrusciu do mortiedu

Era mbalidu e azzoppatu

Ma e tutt'atru era aggarbatu

E cu a liesina e a tinagghjia

Facia uoru e da pagghjia,

Conzava scarpi viecchi e rutti

E stivali sciancati e brutti

E m'ajjhia pana pa famigghjia

I mestieri i facia tutti

Cusia cu spagu e nziti e puorcu

E cu trincidi ntavedjava

E pua a fini da jornata u pana a casa si portava.

Facia varvi e capidi

Ch'avia i fijjuoli picciridi

E mu nci puonnu nescira i cunti

S'arranciava e tutti i punti

U s'abbusca ncuna lira fatigava puru a sira

E nommu facia scrusciu a notta

Mbudava i grupa e fiancazzi a porta

Puru prima u sula u nescia nc'era ncunu chi jia e prescia

E mastru Antuoni prontu a posta 

Aspettava ncuna cosa pe mu nescia.

Fatigava estati e viarnu cu a porta sempa scancarata

Pe chissu a genta chi passava, da facia na fermata

Ntuffava cuomu u mungipiadu

Cu a tenagghia e cu u martiadu

Nciupava tacci e trincidi

Puru o lustru e de stidi,

Cu u sula e cu a lumera 

Da Ventrici a genta c'era

Si chiovia e si nivicava

A genta dana s'arripava,

Da mastru Antuoni era u puntu duva ognunu s'incuntrava

Ca a porta era scancarata quandu idu fatigava

Non avia na casa randa, e mancu era tanta beda

Ma idu a genta i ricivia pura supa a porticeda

Cui u primu arrivava

S'inciupava e s'assettava

Puru o peda e da scala

Si a seggia na trovava.

Nc'era puru ncunu amicu

Chi portava u pirettiedu 

Chjinu e vinu e fraguliedu

E de gutti e casariedu,

Allura mastru Antuoni sbarattava u bancariedu

E cu amici tutti ntuornu, si facia nu biccariedu

Idu era sempa prontu pa fatiga e l'allegria

E cu amici e parienti era sempa in armonia

Pecchissu amici e nemici rispettavanu a Ventrici,

E quandu ognunu e da passava

Cu crianza salutava

E mastru Antuoni sempa alliegru 

A tutti quanti rispundia

Cu sorrisu supa a vucca

E u cora chjinu d'allegria.

Sempa avia a risposta pronta

E a battuta spiritosa

Ma a crianza e educazioni

Mastru Antuoni sapia u l'usa

Quandu ncunu si nda jia e dassava a compagnia

"Mastru Antuoni mi nda vajiu", dispiaciuti nci dicia

"Non ti dicu u tinda vai" idu rispundia pe jiocu

"Ma vorria pe mu sacciu, chi cazzu stai mu pigghji duocu."

 

Autore: Foca Fiumara

 

Nonno Antonio quadro OK

 

Il richiamo di Mastr’Antonio

 

Quando mastr’Antonio si sedeva al tavolino

Raccoglieva gli abitanti del rione “Pendina” col rumore del martello

Era invalido e zoppo

Ma di tutt’altro era dotato

E con lesina e tenaglia

Trasformava la paglia in oro

Riparava scarpe vecchie e rotte

E stivali sbrindellati e brutti

E per guadagnare il pane per la famiglia

I mestieri li faceva tutti 

Cuciva con spago e setole di maiale

E con placche di ferro rattoppava

E alla fine della giornata il pane a casa si portava

Tagliava barba e capelli

Perché aveva i figli piccoli

E per far tornare i conti

Si arrangiava in tutti i modi

Per prendere qualche lira si arrangiava pure la sera

E per non far rumore di notte

Tappava i buchi ai lati del portone

Pure prima che nascesse il sole c’era qualcuno che andava di fretta

E mastro Antonio pronto al suo posto

Aspettava che arrivasse 

Lavorava estate e inverno con la porta sempre spalancata

Per questo la gente che passava, lì faceva una fermata

Picchiava come un diavolo

Con la tenaglia e con il martello

Rinforzava tacchi e suole

Anche sotto il bagliore delle stelle

Con il sole e con la lumiera

Da Ventrice la gente c’era

Se pioveva o se nevicava

La genti lì si riparava

Da mastro Antonio era il luogo dove ognuno s’incontrava

Perché la porta era spalancata quando lui lavorava

Non aveva una casa grande e non era neanche tanto bella

Ma lui la gente la ospitava anche sulla porta

Chi per primo arrivava

Entrava e si sedeva

Anche ai piedi della scala

Se la sedia non trovava

C’era pure qualche amico

Che portava un recipiente (in terracotta)

Pieno di vino di uva fragola

E delle botti del rione Pendino (Casariedu è un nomignolo).

Allora mastro Antonio ripuliva il tavolino

E con gli amici tutti intorno si faceva un bicchierino

Lui era sempre pronto per il lavoro e l’allegria

E con amici e parenti era sempre in armonia

Per questo amici e nemici rispettavano Ventrice

E quando ognuno da lì passava

Con educazione salutava

E mastro Antonio sempre allegro

A tutti quanti rispondeva

Con il sorriso sulla bocca

E il cuore pieno di allegria

Sempre aveva la risposta pronta

E la battuta spiritosa

Ma l’educazione

Mastro Antonio la sapeva usare

Quando qualcuno se ne andava e lasciava la compagnia 

“Mastro Antonio me ne vado” dispiaciuto gli diceva

“Non ti dico di andartene” lui rispondeva per gioco

“Ma vorrei sapere, cosa stai a fare qui.

 

Traduzione a cura di: Natale Giampà

Visite: 971
Visite agli articoli
1081496

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information