Bronzi di Riace
Matrimonio anni '60 - Francavilla Angitola
Bottega tipica - Tropea
Chiesa di Santa Maria della Consolazione - Altomonte
Castello Normanno - Vibo Valentia
Scogliera - Zambrone
Fortezza Aragonese - Le Castella (Ph. Marco Rey)
Nei cieli di Pizzo
Torroni e mostaccioli di Soriano
Chiesa di Santa Maria dell'Isola (sullo sfondo il Vulcano Stromboli) - Tropea
Centro storico - Serra San Bruno
Piazza Serrao - Filadelfia Ph. Francesco Bartucca
FacebookTwitter

Banner-gofly Dai spazio alla tua attivitRicami Tessiture Logo 6

U Richiamu e Mastru Antuoni

Categoria: Poesie

Nonno Antonio Francavilla Angitola OK

Riproduzione fotografica Natale Giampà

 

U Richiamo e Mastru Antuoni

 

Quandu Mastru Antuoni s'assettava o bancariedu

Ricojjia i pandinuoti cu scrusciu do mortiedu

Era mbalidu e azzoppatu

Ma e tutt'atru era aggarbatu

E cu a liesina e a tinagghjia

Facia uoru e da pagghjia,

Conzava scarpi viecchi e rutti

E stivali sciancati e brutti

E m'ajjhia pana pa famigghjia

I mestieri i facia tutti

Cusia cu spagu e nziti e puorcu

E cu trincidi ntavedjava

E pua a fini da jornata u pana a casa si portava.

Facia varvi e capidi

Ch'avia i fijjuoli picciridi

E mu nci puonnu nescira i cunti

S'arranciava e tutti i punti

U s'abbusca ncuna lira fatigava puru a sira

E nommu facia scrusciu a notta

Mbudava i grupa e fiancazzi a porta

Puru prima u sula u nescia nc'era ncunu chi jia e prescia

E mastru Antuoni prontu a posta 

Aspettava ncuna cosa pe mu nescia.

Fatigava estati e viarnu cu a porta sempa scancarata

Pe chissu a genta chi passava, da facia na fermata

Ntuffava cuomu u mungipiadu

Cu a tenagghia e cu u martiadu

Nciupava tacci e trincidi

Puru o lustru e de stidi,

Cu u sula e cu a lumera 

Da Ventrici a genta c'era

Si chiovia e si nivicava

A genta dana s'arripava,

Da mastru Antuoni era u puntu duva ognunu s'incuntrava

Ca a porta era scancarata quandu idu fatigava

Non avia na casa randa, e mancu era tanta beda

Ma idu a genta i ricivia pura supa a porticeda

Cui u primu arrivava

S'inciupava e s'assettava

Puru o peda e da scala

Si a seggia na trovava.

Nc'era puru ncunu amicu

Chi portava u pirettiedu 

Chjinu e vinu e fraguliedu

E de gutti e casariedu,

Allura mastru Antuoni sbarattava u bancariedu

E cu amici tutti ntuornu, si facia nu biccariedu

Idu era sempa prontu pa fatiga e l'allegria

E cu amici e parienti era sempa in armonia

Pecchissu amici e nemici rispettavanu a Ventrici,

E quandu ognunu e da passava

Cu crianza salutava

E mastru Antuoni sempa alliegru 

A tutti quanti rispundia

Cu sorrisu supa a vucca

E u cora chjinu d'allegria.

Sempa avia a risposta pronta

E a battuta spiritosa

Ma a crianza e educazioni

Mastru Antuoni sapia u l'usa

Quandu ncunu si nda jia e dassava a compagnia

"Mastru Antuoni mi nda vajiu", dispiaciuti nci dicia

"Non ti dicu u tinda vai" idu rispundia pe jiocu

"Ma vorria pe mu sacciu, chi cazzu stai mu pigghji duocu."

 

Autore: Foca Fiumara

 

Nonno Antonio quadro OK

 

Il richiamo di Mastr’Antonio

 

Quando mastr’Antonio si sedeva al tavolino

Raccoglieva gli abitanti del rione “Pendina” col rumore del martello

Era invalido e zoppo

Ma di tutt’altro era dotato

E con lesina e tenaglia

Trasformava la paglia in oro

Riparava scarpe vecchie e rotte

E stivali sbrindellati e brutti

E per guadagnare il pane per la famiglia

I mestieri li faceva tutti 

Cuciva con spago e setole di maiale

E con placche di ferro rattoppava

E alla fine della giornata il pane a casa si portava

Tagliava barba e capelli

Perché aveva i figli piccoli

E per far tornare i conti

Si arrangiava in tutti i modi

Per prendere qualche lira si arrangiava pure la sera

E per non far rumore di notte

Tappava i buchi ai lati del portone

Pure prima che nascesse il sole c’era qualcuno che andava di fretta

E mastro Antonio pronto al suo posto

Aspettava che arrivasse 

Lavorava estate e inverno con la porta sempre spalancata

Per questo la gente che passava, lì faceva una fermata

Picchiava come un diavolo

Con la tenaglia e con il martello

Rinforzava tacchi e suole

Anche sotto il bagliore delle stelle

Con il sole e con la lumiera

Da Ventrice la gente c’era

Se pioveva o se nevicava

La genti lì si riparava

Da mastro Antonio era il luogo dove ognuno s’incontrava

Perché la porta era spalancata quando lui lavorava

Non aveva una casa grande e non era neanche tanto bella

Ma lui la gente la ospitava anche sulla porta

Chi per primo arrivava

Entrava e si sedeva

Anche ai piedi della scala

Se la sedia non trovava

C’era pure qualche amico

Che portava un recipiente (in terracotta)

Pieno di vino di uva fragola

E delle botti del rione Pendino (Casariedu è un nomignolo).

Allora mastro Antonio ripuliva il tavolino

E con gli amici tutti intorno si faceva un bicchierino

Lui era sempre pronto per il lavoro e l’allegria

E con amici e parenti era sempre in armonia

Per questo amici e nemici rispettavano Ventrice

E quando ognuno da lì passava

Con educazione salutava

E mastro Antonio sempre allegro

A tutti quanti rispondeva

Con il sorriso sulla bocca

E il cuore pieno di allegria

Sempre aveva la risposta pronta

E la battuta spiritosa

Ma l’educazione

Mastro Antonio la sapeva usare

Quando qualcuno se ne andava e lasciava la compagnia 

“Mastro Antonio me ne vado” dispiaciuto gli diceva

“Non ti dico di andartene” lui rispondeva per gioco

“Ma vorrei sapere, cosa stai a fare qui.

 

Traduzione a cura di: Natale Giampà

Visite: 3166
Visite agli articoli
1541678

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione su questo sito web. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information